Stasera in scena “Non Adesso”, lo spettacolo dei ragazzi aggrediti lo scorso 25 giugno a Roma

thumbDa occhioche.it

In scena i ragazzi del gruppo teatrale, vittima lo scorso 25 giugno di un gravissimo attacco presso la sede dell’Associazione Di’Gay Project

Questo spettacolo si colora simbolicamente di un monito contro l’omofobia. I ragazzi del gruppo teatrale di Maria Chiara Cucinotta sono stati infatti vittima lo scorso 25 giugno di un gravissimo attacco presso la sede dell’Associazione Di’Gay Project (DGP) in via Costantino 82 (zona San Paolo), dove stavano tenendo le prove proprio di questo laboratorio.

Un gruppo di balordi ha fatto irruzione lanciando escrementi, cassette di legno, bastoni, ortaggi al grido di: ‘Vi diamo fuoco, froci di merda: meritate di morire.’ Ai giovani, che, seppure terrorizzati, hanno avuto la maturità di non reagire, é arrivato un unanime abbraccio di solidarietà dalla politica, dalle istituzioni e dalleassociazioni LGBT.

Oggi vogliamo far sentire anche quello dello staff e del pubblico del Gay Village: a questi ragazzi che, come ha detto Maria Chiara Cucinotta, ‘non hanno subito danni fisici o strutturali, ma nel cuore certamente sì’, offesi, come ha sottolineato la presidente DGP Maria Laura Annibali ‘nel valore di un impegno a forte valenza sociale e comunitaria’.

A tutti loro la nostra vibrante solidarietà, in onore di chi ha il coraggio di essere su questo palco a dire no all’omofobia’.

SINOSSI

Una compagnia teatrale ebraica si ritrova in una clinica in pieno deserto Israeliano, cercando di allestire lo spettacolo più bello del mondo. Avranno bisogno per questo del supporto del pubblico. Non solo per far vivere l’Arte, ma anche per sopravvivere. Il maestro Stefano Sanpietro impreziosisce con le sue composizioni l’intero svolgimento. Ecco quindi un dramma musicale interattivo, appassionato ed intenso, nel quale gli spettatori saranno chiamati a decidere le sorti dei personaggi. Uno spettacolo in bilico fra presente e passato, per il quale simpaticamente si suggerisce di venire muniti di penna per sceglierne il titolo. Il creatore più fantasioso del pubblico riceverà un buono per una consumazione gratuita.

La redazione

Comments

comments